Manie da social: il selfie

la mania del selfie

Una volta… tanto tempo fa… i social resero uso comune comunicare a tutti gli spostamenti della giornata.

Qualsiasi movimento, o non movimento, umore o malumore era postato su facebook e tutti potevano entrare in qualche modo nella tua vita troppo piena, o tremendamente vuota, impicciandosi dei tuoi affari.

Ora improvvisamente si parla di una “creatura” che sta invadendo la terra  e le abitudini degli individui rendendoli drogati dipendenti dagli AUTOSCATTI.

Ma perchè chiamarli autoscatti quando l’inglese è più fico? Chiamiamo la mania come la conoscono tutti: SELFIE.

Ed ecco allora star che scendono nel mondo dei comuni mortali abbandonando le foto da catalogo e taggandosi sui social nella loro intimità… pensate un pò, anche senza trucco!

All’inizio erano solo foto delle vacanze, o meglio, pullulavano quelle orribili foto di cosce con sfondo il mare, scattate da chi voleva far “rosicare” chi era rimasto a casa (aaa ho scoperto che questo tipo di foto in english style si chiama Tigh gap).

Poi si è passati ai piedi, se possibile ancora peggiori delle cosce. Poi, dato che il selfie ora è praticamente così inflazionato da non far notizia, si è arrivati al BIKINI BRIDGE.

la mania del selfie

Di cosa si tratta? Semplice! E’ lo scatto tipico delle gnocche da copertina che fotografano  il loro bikini mentre comodamente stanno sdraiate al sole, in modo che le panche già tirate e piatte mettano la retromarcia scavando un solco tra le ossa del bacino e facendo disegnare dal bichini un ponticello (o Bridge) che da un senso di vedo non vedo delle parti intime mentre disperatamente si aggrappa alle ossa, ultima materia prima rimasta.

Non commentiamo oltre anche questa mania comunque il selfie è diventato talmente una mania che in molti non possono fare a meno di scattarsi autoscatti più volte al giorno per poi postarli.

Se siete appassionati del genre sul web troverete anche vere e proprie guide in proposito come ad esempio “come fare i i vostri selfie ricevono pochi i-like”, guida indispensabile in caso l’eventualità di essere poco seguiti su facebook vi creasse strani scompensi esistenziali (cosa che oggigiorno non mi stupirebbe comunque).

la mania del selfie

Siamo diventati una mandria di narcisisti?

Vivendo ormai solo di immagine ci creiamo un mondo fatto di piccole immagini che ci portino pubblico?

Io sono allibita e ora quasi rigetto quella che una volta, in vacanza, consideravo un’attività divertente.

Intanto pochi mi assomigliano ed in molti hanno finito per partecipare all’Olimpiade del Selfie di gennaio.

Proprio per mostrare che non c’è mai limite al peggio!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...